Analisi Bioenergetica

Il Corpo è il Custode di tutta la tua Vita

Scritto da Cristiana Gallo

“Il cuore desidera essere libero e aperto, perché senza liberta non c’è gioia e senza gioia non c’è amore.”

Alexander Lowen

Respirare in bioenergetica significa avere la possibilità di sentire il corpo e, sentire il corpo, ne risveglia la memoria.

Il corpo è custode, sotto alterate posture e muscolatura contratta, di tutta la nostra storia e si fa portavoce, in particolare modo, di eventi dolorosi e traumatici incontenibili dalla sola psiche. Così i nostri corpi trattengono, sotto massicce dosi di energia bloccata o energia carente, storie di vita, le nostre, tutte da ricordare, rivivere e respirare.

In quest’ottica la bioenergetica si avvale di tecniche basate sulla respirazione profonda, quel tipo di respirazione tanto naturale quanto dimenticata dalla maggior parte degli esseri umani. Certo appartiene a tutti la predisposizione ad una respirazione sana e, di fatto, alla nascita tutti respiriamo e “sentiamo” pienamente, ma è altrettanto certo che, in condizioni di frustrazione prolungata, il corpo reagisce, difendendosi, con una sorta di ritiro energetico che in apparenza può non essere evidente, ma che con il tempo diventa struttura corporea.

Strutturarsi a livello corporeo e psichico, negandosi e negando le proprie sensazioni, significa predisporsi ad agire un falso Sé che non può altro che vivere, inconsapevolmente, una falsata vita.

Mettersi nelle condizioni di sentire e sentirsi di nuovo attraverso una terapia bioenergetica significa necessariamente affrontare i propri blocchi emotivi e corporei, di conseguenza significa rivivere le cause di questi.

Permettersi di “ritrovarsi” equivale a dare a se stessi la possibilità di iniziare un viaggio verso una città dimenticata, la propria città, quella in cui si è abbandonato il proprio sentire e con esso il proprio vero Sé.

Ciò che è dimenticato equivale all’ignoto e l’ignoto da sempre spaventa gli uomini, cosicché nel percorso non si può non provare paura, una paura terribile quanto antica, che aumenta la sua forza laddove viene negata.

Devi avere fede: la paura è solo la prima porta, una volta varcata la soglia, tutto si fa ritorno.

Autore

Cristiana Gallo

Psicologa iscritta all’Albo degli Psicologi del Lazio con il numero 15468. Psicoterapeuta ed Analista Bioenergetica specializzata in Psicoterapia Individuale e di Gruppo. Grafologa.
Conduttrice di Esercizi di Bioenergetica e Insegnante Yoga.