Analisi Bioenergetica

Radici del Radicamento

Scritto da Cristiana Gallo

“Non esistono parole più chiare del linguaggio del corpo, una volta che si è imparato a leggerlo.”

Alexander Lowen

Quando si parla di radicamento si parla di una Struttura-Processo Relazionale.

La nostra mente non funziona su uno stato acquisito una volta per tutte, bensì su un insieme di stati successivi che vanno continuamente a legarsi (processo) e a renderci il senso della continuità della nostra esistenza (percezione di stato).

Le prime esperienze di radicamento della vita avvengono tutte nell’ambito della relazione con le figure genitoriali o di riferimento affettivo.

Ciò che Radica e rende Grounded un bambino è una madre che ricambia il suo sguardo amorevolmente, che lo sostiene con morbidezza e sicurezza mentre lo allatta, che risponde Empatica alla sua mimica, etc.

Ricorrere a percorsi che possano aiutare a ritrovare il proprio Radicamento laddove se ne avverta il bisogno non può quindi prescindere dalla relazione.

In primo luogo ed anche in ultima analisi è sempre la RELAZIONE che CURA!

Le tecniche utilizzate per riconnettersi all’energia del corpo e della mente sono solo tecniche e non vanno vissute come performance, né vanno praticate come fossero esercizi ginnici.

Qualunque tecnica per essere terapeutica deve svolgersi, viversi, risolversi e chiudersi nell’ambito della RELAZONE TERAPEUTICA.

Si Nasce tutti in relazione ed è in relazione che viene a formarsi il Sé, conseguentemente è solo nella relazione che potremo comprendere le matrici reali dei disagi, dei dolori, delle solitudini, delle più intime disperazioni da cui è partito un senso di se stessi che non permette una vita serena e felice, in relazione.

Autore

Cristiana Gallo

Psicologa iscritta all’Albo degli Psicologi del Lazio con il numero 15468. Psicoterapeuta ed Analista Bioenergetica specializzata in Psicoterapia Individuale e di Gruppo. Grafologa.
Conduttrice di Esercizi di Bioenergetica e Insegnante Yoga.